Travel

Warner Bros Studios

“The entrance is right there between the Duffy Duck and Bugs Bunny Statues” 

image from farm9.staticflickr.com
Alla parola “statue” il marco ha sgranato gli occhi e cominciato a ridacchiare ma la ragazza addetta ai biglietti non aveva alcuna ironia nel tono della voce.
Perché qui giustamente si prendono sul serio e quelli che per noi sono solo dei disegni animati a casa loro diventano dei veri personaggi di bronzo e ossa, che accolgono i visitatori che si apprestano a passare oltre lo specchio del loro mondo magico.
Il Vip Tour degli studios della WB è stato davvero interessante. Oltre a poter vedere dal vivo alcune ricostruzioni di ambienti esterni ed interni utilizzati per numerose riprese, abbiamo avuto dalla nostra guida Amanda un sacco di informazioni e curiosità su come vengono realizzati i film e sul dietro le quinte delle varie fasi di realizzazione.

image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com
Ad esempio il fatto che gli stessi edifici appaiono in realtà in decine di film e che basta modificare i particolari e le insegne per cambiare completamente l’ambientazione e la destinazione dei medesimi.
Oppure che un semplice fazzoletto di prato può, se montato in seguito assieme a delle panoramiche adeguate, diventare niente meno che Central Park: nessuno potrà sospettare che l’attrice che si vede correre stia in realtà continuando a percorrere gli stessi tre metri, ma ripresa da angolazioni differenti.

image from farm9.staticflickr.com
Qui l’arte cinematografica appare in tutta la sua mistificazione, ma il filmato che viene mostrato all’inizio e che riunisce le scene più emozionanti di decine di film memorabili prodotti proprio qui dimostra una volta di più come la finzione a volte possa essere assai più potente della realtà.

Il tour prevede anche la visita ai padiglioni dove vengono costruiti e custoditi tutti i complementi di scena. C’è davvero di tutto: lampade, quadri, mobili, dettagli architettonici, gli oggetti più banali riuniti assieme a quelli più preziosi, originali e dalle fattezze più ricercate; tutti sono poi esposti ognuno col suo prezzo, a disposizione delle varie produzioni che vorranno acquistarle o noleggiarle.

image from farm9.staticflickr.com



image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com

In un padiglione sono poi esposte le vetture più famose che sono state utilizzate nei film più celebri.
Fa una certa impressione vedere parcheggiate qui le auto di Bo e Luke, di Batman, di Harry Potter (a quest’ultimo è dedicato anche un intero museo, nel quale però non possono essere scattate fotografie) e di altri personaggi entrati ormai in modo imperituro nel nostro immaginario…. ti aspetteresti quasi di vederli arrivare da un momento all’altro, inserire la chiave e partire!

image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com
Una curiosità sulla Gran Torino dell’omonimo film: è l’unica vettura che non è di proprietà della WB, avendola Clint Eastwood acquistata per sé, anche se poi l’ha lasciata a disposizione degli studios perché possa essere ammirata dai visitatori.

image from farm9.staticflickr.com
I set dove sono in corso attualmente delle riprese non si possono fotografare, ma quelli la cui produzione è da tempo terminata sì. E’ il caso del padiglione in cui sono raccolti tutti gli arredi e gli oggetti di scena che sono serviti sul set della celeberrima serie televisiva Friends, un vero cult, i cui memorabilia sono ora raccolti tutti qui.

image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com
Quanto alla celebre cisterna per l’acqua, un tempo destinata a placare eventuali incendi, dopo aver rischiato di rovinare al suolo durante uno dei terremoti che scuotono periodicamente la regione, è stata semplicemnte spostata in mezzo a un piazzale, per scongiurare qualsiasi incidente, ma in modo da essere allo stesso tempo salvaguardata; era infatti nel frattempo diventata il simbolo della Warner Bros e continua ancor oggi a svettare sopra gli studios, nonché in tutti gli spot introduttivi di ogni produzione della casa. 

image from farm9.staticflickr.com
Durante il tour viene scattata a tutti i partecipanti anche una foto sul magico sfondo verde, quello che permette facilmente di proiettare i personaggi in un ambiente fantasioso.
(ripensandoci ora, potevamo anche noi essere un po’ più americani e kitsch nella posa!)

image from farm9.staticflickr.com
IMG_4248

 

Un commento

  • marco barsotti

    l’ “industria” cinematografica é molto piú di quanto si pensi un insieme di anti artisti – manovali, falegnami, carpentieri, ecc…almeno questo quanto ho notato, e mi ha sorpreso non poco.
    Manca in queste visite – ma forse non lo si apprezzerebbe, oppure é totalmente realizzato altrove – la visita a chi realizza le parti in cgi (computer graphics), ormai cosí importanti in ogni produzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *