Travel

Un soggiorno nel verde – Le Canal du Midi tra Port La Robine e Le Somail

E’ senza dubbio il colore dominante: il verde degli alti platani che costeggiano le rive, dei vigneti della campagna circostante, delle acque intorbidite dal passaggio continuo delle péniche e delle barche turistiche, un verde che dà ad ogni cosa una sfumatura di pace e tranquillità.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
Il Canal du Midi, che collega il Mediterraneo alla Garonna e di qui all’Atlantico, fu costruito, con lo scopo di facilitare il commercio del grano, dal 1666 al 1681 sotto il regno di Luigi XIV e la supervisione di Pierre-Paul Riquet; è il più antico canale d’Europa ancora funzionante. La sua costruzione fu un’opera di ingegneria molto complessa comprendente la realizzazione di 65 chiuse e di tratti sospesi per evitare che i fiumi incrociati vi immettessero i loro detriti.

image from www.flickr.com
Lungo i 240 km che collegano Tolosa a Sète è possibile da aprile a ottobre la navigazione turistica e la natura del Languedoc vista dal canale è uno spettacolo davvero unico.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
Il nostro breve soggiorno ha base nel sud Minervois à Mirepeisset non lontano da Port La Robine, là dove il canale si biforca dando origine appunto a quello della Robine che scende a Narbonne.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
Risalendo invece il canale dal lato opposto si arriva a Le Somail, grazioso porto al quale possiamo recarci a piedi lungo il fiume con una passeggiata di una ventina di minuti. 

Questo centro, costruito nel XVII secolo, era una delle tappe in cui si fermavano i battelli di posta per trascorrere la notte. L’Auberge du Somail è ancora oggi un albergo con annesso un pittoresco ristorante dove si può gustare, tra il resto, un’ottima fidéua (la paella catalana con la pasta al posto del riso). 

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

(c’è il Gatto, qui si può stare)

image from www.flickr.com

Il ponte a dorso d’asino, detto “di Riquet” è caratteristico per la sua volta circolare tipica dei più antichi ponti del canale.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
La grande via d’acqua è come una strada, solcata da barche di ogni epoca e di ogni dimensione, ma anche le sue rive sono percorse da escursionisti – a piedi, in bici e a cavallo – che scoprono i dintorni immersi nel verde assoluto. 

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

La densità della popolazione residente – e anche di quella turistica – è minima, tutti si salutano al passaggio, gli abitanti delle grandi case galleggianti ormeggiate a riva vivono una vita silenziosa, qualche cane abbaia, i pescatori sonnecchiano. 

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
E in mezzo a tutto questo verde fa ancora più meraviglia l’esplosione dorata di un tramonto così:

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *