Spectacles,  Travel

Château en fête 2015 – Haut-de-Cagnes

Quella del Château en fête a Haut-de-Cagnes è una delle manifestazioni più belle tra le tante che animano l’estate qui sulla Costa Azzurra.
Nata come festival delle Arts de la rue in cui numerosi gruppi di artisti di strada si intrecciavano prima nelle strade e nelle piazze del bel borgo medievale per culminare nella rappresentazione clou -sempre spettacolare- che chiudeva la serata sulla piazza del castello, si vede quest’anno ridimensionata, quanto meno per quel che riguarda il numero delle esibizioni.
Sì perché la qualità dello spettacolo qui è sempre assicurata: l’originalità e la complessità delle performance messe in opera in questa serata lasciano sempre piacevolmente stupiti.

Quest’anno è stata la volta dei robot.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

Un’installazione con dj ha aperto la serata anticipando l’ingresso prima di Androlux, robot luminosi che hanno intrattenuto il pubblico fino alle 21.45, quando è iniziato RobotiK, uno spettacolo inedito rappresentante una competizione di danza tra due ballerini umani e tre robot che si muovevano sinuosamente a tempo di musica.
I contendenti si sono dati il cambio danzando di volta in volta sulle note di celebri canzoni, mentre la piazza del castello si animava di proiezioni luminose e giochi d’acqua.

Solo dei contributi video possono rendere un po’ l’idea dell’insieme di musica, danza, luci e getti d’acqua che ha preso vita sulla piazza e sule pareti del Château Grimaldi.

La più emozionante per me è stata l’esibizione su How to save a life:

Mentre i robot hanno dato il meglio di sé in Music:

 

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
Difficile decretare il vincitore. Di certo sul podio c’è anche il pubblico, che è tornato a casa con un bel bottino di emozioni negli occhi e nelle orecchie!

A chiudere la serata ci pensa ancora il DJ: fino a mezzanotte Delta Project trasforma l’antica piazza in un vero e proprio dancefloor.

image from www.flickr.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *