Garda Lake,  My Family,  Travel

Biciclettata di Natale 2016

Anche quest’anno un bel sole limpido ha illuminato il nostro Natale sul Garda trentino e come da un po’ di anni a questa parte la mattinata del 25 dicembre ha potuto essere dedicata a una bella escursione nei dintorni.

L’anno scorso era stato il giro del lago di Cavedine, quest’anno abbiamo pedalato in direzione sud, verso Torbole e Riva. 

Un itinerario tranquillo di una trentina di chilometri tutti in pianura con partenza da Dro.

image from www.flickr.com
Da qui, passando per le campagne attorno a San Martino, ci siamo diretti verso la ciclabile che costeggia il fiume Sarca.
E’ un percorso ben noto che ero solita fare per andare da Arco al lago in estate, in genere con l’òra contraria e gli oleandri ai lati tutti in fiore.
In questa stagione niente vento da sud e rami decisamente più brulli, ma l’arrivo alla foce del Sarca ha sempre lo stesso effetto magico di quando ero solita andare in spiaggia al Lido Blu.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
La luce era limpida e l’ arrivo a Torbole ci ha regalato riflessi dorati e temperatura tiepida.
Il porto è il solito piccolo scrigno, con le barche dei pescatori, la casetta del dazio e tutti i ricordi di me bambina.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
Ancora una ciclabile ma questa volta lungo il lago per arrivare fino a Riva passando per il Lido di Arco. La chiamano Baia Azzurra, ma ha il colore cangiante delle pietre preziose. Non lo ricordavo di un color smeraldo così acceso il mio lago.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
Infine passaggio da Sant’Alessandro poi lungo il Monte Brione si ritorna alla pista ciclabile del fiume Sarca e di nuovo a Dro, questa volta passando per Prabi.

Un bel giro attraverso la “busa” per ritrovare i luoghi e le strade della memoria e che consiglio a chiunque che non conoscendo i posti voglia crearsi dei ricordi speciali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *