Architecture,  Travel

La Tour Eiffel

Come hanno fatto 324 metri di “ferraglia” a diventare il simbolo di una delle città più belle d’Europa?
Di sicuro in parte si deve al fatto che la Tour Eiffel è rimasta per 41 anni il monumento più alto al mondo e ancora oggi la sua piattaforma superiore è uno dei più elevati punti di osservazione europei.
Non a caso si dice che “l’altezza è mezza bellezza” (ma meglio non ripeterlo troppo che poi noi piccolette ci crediamo).


image from www.flickr.com
Costruita nel 1889 in occasione dell’Esposizione Universale, ha richiesto più di due anni di lavori e deve in seguito la sua sopravvivenza (era destinata infatti ad essere smantellata 20 anni dopo) a être devenue un truc de radio, come ha distrattamente pronunciato una turista incrociata durante la salita, al fatto cioè che fu utilizzata per sperimentare le prime trasmissioni radio e di telecomunicazione.

image from www.flickr.com
Ma secondo me c’è dell’altro. Gran parte del suo fascino credo sia dovuto alla sua forma cuneiforme, che ne fa una freccia rivolta verso il cielo, quasi un razzo pronto a decollare dalla sua rampa su quelle quattro bizzarre zampe che la fanno assomigliare a una sorta di animale fantastico.
E anche alla incredibile leggerezza della sua struttura, considerate le sue dimensioni: m
etallo e aria, l’orizzonte di Parigi è segnato in modo emblematico da una specie di merletto di ferro, forte ed elastico, capace di assecondare i venti e le oscillazioni al suolo.  

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

E se è il monumento a pagamento più visitato al mondo un motivo ci sarà: la sua visione è spettacolare, ma anche la vista che si gode da esso è un’esperienza unica.

L’accesso al secondo piano può essere fatto in due modi, per le scale o in ascensore. Noi abbiamo scelto il primo, per godere appieno delle prospettive che si aprono sulla struttura stessa.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
704 scalini portano ai 115 metri di questa tappa intermedia, passando per il 1° piano , dove si trova il pavimento trasparente, che permette un’esperienza sul vuoto decisamente impressionante.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
La salita all’ultimo piano si fa in ascensore

 

Già dal secondo piano la vista è stupefacente e dà la misura della grandezza dei maggiori monumenti parigini che si stagliano in modo quasi sfacciato in mezzo ai celebri tetti di zinco.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

Ma è solo dalla vetta che si apprezza la vastità della città che si estende sotto i propri piedi.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
La visione dall’alto è sempre speciale: la distanza dal suolo allarga l’orizzonte e permette di abbracciare le cose nel loro insieme dando loro un senso in più. Si vede di più e spesso anche meglio da lontano.

Ma permette anche di cambiare le prospettive, di rovesciare un po’ le dimensioni e di alterare, anche se solo per un po’, la realtà.

image from www.flickr.com

32990772353_e5f0b5ced6_b copy
image from www.flickr.com

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *