Uncategorized

dalla mucca alla tazza

Da qualche mese ad Arco è arrivato un singolare produttore di latte. Non ha le corna, non muggisce e tanto meno è pezzato, ma il latte che ne fuoriesce è rigorosamente appena munto.
Dopo aver inaugurato in paese il negozio dove i detersivi vengono distribuiti “alla spina”, è giunto, nel piazzale antistante la posta un distributore automatico di latte fresco:

qui si prendono le bottiglie (vetro o plastica)
e da quest’altra parte esce il latte

è facile immaginare quali siano i vantaggi di questo sistema di vendita dal produttore al consumatore

è più economico, più ecologico e più genuino 

Non c’è da stupirsi che il prodotto abbia quindi un grande successo

essendo intollerante al bianco e zuccheroso liquido  aspetto l’assaggiatore ufficiale  per darvi il responso sulla sua effettiva bontà

18 commenti

  • mau

    … avevo sentito parlare di questa iniziativa, sparsa in diverse zone, dalle ‘fanciulle motorizzate’‘ … aspetto che arrivi anche dalle mie parti ;)) … ma la bottiglia, poi, si riutilizza per lo stesso scopo o la si rende per essere sterilizzata??? … 

  • accgian

    bella questa iniziativa.. ne avevo sentito parlare, ma da me non è ancora arrivata…. se mi porto due biscottini, posso assaggiare anche io??

  • G

    Ne stanno facendo uno anche a 100 mt da casa mia!!! prova a berlo probabilmente sei intollerante al latte …………industriale  e non a quello crudo!

  • cristiana

    anche da me c’è da qualche mese !!! costa anche un bel po in meno !! comodo comodo !! poi non hai gli orari da rispettare del negozio !ciaoo

  • anna rita

    a lomazzo dove abita la mia mamma ce ne sono due.
    volendo la bottiglia te la puoi portare anche da casa, l’importante è che riesca a contenere un litro di latte poi non c’è nessun tipo di obbligo.
    per me è un po’ scomodo per la distanza ma il latte è davvero buono

  • Lara

    Da me è stato inserito in un supermercato, è presente da circa un annetto io di latte ne bevo pochissimo per cui non l’ho mai assaggiato, so che effettivamente costa un po meno!!!!

    Nello stesso supermercato da poco c’è il distributore di detersivi, ma stiamo finendo le scorte!!!!

    Buon week Anto domani sono a casa speriamo di riuscire a leggere un po di post su vox!!!!!

  • marco(a)

    a Lomazzo non c’e’ anche il sig. Vismara (*) e la sua WISMAR ?


    Potremmo proporgli macchina analoga per la BOCK!


    (*)   birraio leghista di chiara fama (anche rossa e scura!)

  • ren

    Interessante sia il latte che la birra a lomazzo
    il latte non è per me naturalmente ;))
    pregasi mandare indirizzi ho figlie piccole(anto tu le conosci) e il papà è sempre alla ricerca di nuove birre…..

  • AleX

    Mmh.
    Se ho capito bene, il latte non è pastorizzato?
    Mi spiace, ma sono un pò scettico.
    La pastorizzazione del latte ha allontanato una marea di malattie, che puntualmente si ripresentano da noi con pazienti che hanno assunto latte e derivati da agriturismi et similia.
    Sono più che incline a pensare che questo latte sia ottimo e munto da mucche sanissime, perché so di maggiori controlli megli animali destinati a questo tipo di utilizzo. Comunque un minimo rischio c’è, e personalmente credo che la non-pastorizzazione del latte sia tutt’altro che un progresso.
    Ne vale davvero la pena?Davvero il sapore è così diverso? E il minimo decremento di prezzo vale il piccolo pensiero?
    Mmh…

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *