Music,  Spectacles

Noa a Como

Nel’ambito della rassegna Larioestival che prevede 29 incontri musicali che hanno come teatro le sponde del Lario, mercoledì 30 luglio si esibisce di fronte al lago di Como Noa.
Qualche cenno biografico può aiutare a comprendere il talento speciale di questa eccezionale musicista:

Nata in Israele da genitori yemeniti, dall’età di un anno e sino al compimento dei 17 anni, Noa cresce negli Stati Uniti, dove frequenta anche la scuola di danza di Martha Graham.

I suoi idoli musicali sono Paul Simon, James Taylor e Joni Mitchell. A 17 anni decide di conoscere per la prima volta il paese dov’era nata, così viaggia in Israele, dove conosce un giovane laureando in medicina (oggi suo marito, pediatra), per amore del quale decide di trasferirsi definitivamente a Tel Aviv, anche se il prezzo d a pagare sarà l’assolvimento dei due anni di leva, obbligatorio in Israele.

E’ sotto le armi che Noa comincia a cantare in pubblico, poi decide di iscriversi alla Rimon School di Tel Aviv, fondata dal chitarrista Gil Dor, per perfezionare le sue conoscenze di pianoforte e chitarra. Sarà proprio Gil Dor a notare le straordinarie doti vocali della giovane yemenita e a proporle un concerto in duo nel 1991 al Festival Jazz di Eilat.

La sua carriera artistica l’ha vista in questi anni collaborare e duettare con artisti del calibro di Santana, Stewie Wonder, Joan Baez, Johnny Clegg, Khaled e al tempo stesso si è sempre intrecciata alle vicende del suo Paese, tanto da essere presente con la sua musica ad eventi, nel bene e nel male, che hanno segnato questi anni : dal concerto ad Oslo per gli accordi di pace con Rabin e Arafat, al concerto stesso nel quale il leader israeliano venne assassinato, al concerto in sua memoria alla Casa Bianca con Bill e Hillary Clinton.

Nello scorso marzo è uscito il nuovo album Genes & Jeans, che fa rivivere le canzoni Yemenite che ha ascoltato da bambina: Un viaggio che parte dallo Yemen, passa per Israele, per gli Stati Uniti, per tornare nuovamente alle sue radici israeliane.

La performance di ieri sera segue i passi di questo viaggio: guidati da una voce limpida e potente l’abbiamo seguita nei volteggi armoniosi da lei compiuti sul forte vento che soffiava dal lago.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un piccolo assaggio dell’atmosfera creata dall’artista in questo suggestivo concerto, patrocinato da Davide Van des Froos e presentato da Luca Viscardi

4 commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *