Music

Id&m, Identità e Musica – Teatro Arcimboldi

Teatro degli Arcimboldifoyeraspettando lo spettacolo

Serata finale ieri sera al teatro degli Arcimboldi per il festival della musica dei territori e dei popoli� id&m, sotto la direzione artistica di Davide Van des Sfroos.
Dopo una prima esibizione -avvenuta il 15 ottobre sul palco del teatro Dal Verme- dei 12 rappresentanti delle musiche e culture locali, questa volta sono stati i vincitori della rassegna ad esibirsi all'Arcimboldi: Sulutumana e LIssander Brasca (premio speciale della giuria anche a Ornella Fiorini e ai Malghesetti), assieme a voci già affermate nel campo della musica tradizionale.
La serata di ieri, presentata da Luca Viscardi e Grant Benson assieme a Federica Fontana, è stata un'immersione in mondi musicali caratterizzati dalla vitalità delle culture di cui si fanno voce. Ritmo, energia, coinvolgimento del pubblico hanno accompagnato queste espressioni musicali, che nella tradizione trovano una linfa vitale davvero potente.

Sul palco del teatro milanese si sono succeduti Lissander Brasca, con la sua koiné, ovvero una lingua creata ad arte sulla base dei vari dialetti lombardi, un'ipotetica lingua comune in cui dovrebbero riconoscersi tutte le parlate locali dalle radici comuni; le canzoni dialettali dei Malghesetti, onorati ieri dalla partecipazione alla loro esibizione di Davide Van des Sfroos; Luigi Maieron, esponente della canzone dialettale friulana. Chiudono lo spettacolo Enrico Ruggeri, Teresa De Sio e i Lou Dalfin, esponenti della Cultura Occitanica piemontese che hanno eseguito dei brani davvero trascinanti unendo strumenti tradizionali come la ghironda a quelli moderni e dando vita a un "nuovo suono (…) che cela un ideale e un fine esplicito: rendere la tradizione occitana fruibile dal maggior numero di persone, perché le radici culturali di pochi divengano patrimonio di tutti".

 

 

 

 

2 commenti

  • marco(a)

    veramente bellissima l’idea di var des sfroos, sono andato alla serata pensando avrei trovato la musica “lontana” dai miei gusti, ed invece tutti i gruppi presentati erano coinvolgenti ed entusiasmanti. 

    Anche nella musica italiana, cosi’ come nella nostra società in generale, ci vogliono assolutamente energie nuove, perche’ dai vecchi, dai mostri sacri, dai big, insomma dei nannini-ruggeri-vascorossi-ramazzotti-eccetera-eccetera-eccetera-eccetera-eccetera-eccetera-eccetera-eccetera-quando-la.smetterete-di-proporci-la-solita-minestra-cari-programmatori-radiofonici- non c’e’ piu’ niente di nuovo e avvincente che possa arrivare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *