Travel,  Uncategorized

Chemin de crèches à Roquebrune

In italiano il termine “presepio” deriva da prae = innanzi e saepes = recinto, la stalla, in cui tradizionalmene è rappresentata la natività.

Più o meno simile l’etimo del termine  corrispondente francese: “crèche” deriva da cripia, greppia, mangiatoia.  Ciò che è buffo è che lo stesso termine indichi anche quello che per noi è l’asilo nido. 

In ogni caso quelli allestiti a Roquebrune, tra le vie del centro storico non erano ricoveri per bimbi sotto i tre anni, ma variopinte rappresentazioni della nascita di Gesù.

Questo “chemin des crèches” infatti è un percorso alla scoperta di decine di presepi di tutte le fogge e le dimensioni. Sono fabbricati dagli stessi abitanti del villaggio che danno in quest’occasione libero sfogo alla loro creatività: presepi illuminati, sonori, giganteschi oppure piccolissimi, moderni o tradizionali, fatti con oggetti di recupero o realizzati appositamente con maestria, esposti oppure nascosti nei più picccoli anfratti di quelle mura antiche, essi permettono di scoprire il centro storico del villaggio medievale sotto una luce nuova.

7 commenti

Rispondi a Apolline Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *