Ville de Nice

Le parc du château de Nice

La collina del castello di Nizza per i nizzardi è innanzitutto il sito dove sorge un gande parco attrezzato per attività sportive e giochi per famiglie e ragazzi.

image from farm6.static.flickr.com
image from farm6.static.flickr.com
image from farm6.static.flickr.com
Nel parco si trovano i resti dell’antico castello e della cattedrale medievale dedicata a Santa Maria.

image from farm6.static.flickr.com
E’ uno spazio privilegiato con una vista che si affaccia ad est sul port Lympia, ad ovest sulla Baie des Anges e a Sud sul mare aperto. Una visione unica su un panorama spettacolare.

image from farm6.static.flickr.com
image from farm6.static.flickr.com
image from farm6.static.flickr.com
image from farm6.static.flickr.com
image from farm6.static.flickr.com
image from farm6.static.flickr.com

image from farm6.static.flickr.com

image from farm6.static.flickr.com

image from farm6.static.flickr.com
Alla collina si accede dalle scalinate pittoresche di Vieux Nice oppure da quella prossima al Quai Rauba Capeu o in alternativa dall’ascensore pubblico, recentemente diventato gratuito in modo da permettere un’ascesa agevole al parco anche ad anziani e bambini. Esso è stato ricavato dove un tempo si trovava il “pozzo del diavolo”, la cavità profonda 80 metri che serviva appunto da pozzo al castello.

image from farm6.static.flickr.com
image from farm6.static.flickr.com
Lassù si è ancora in città, ma allo stesso tempo si è al di fuori, immersi nel verde, e al di sopra con la sensazione di dominare dall’alto l’infinito blu del cielo e del mare.

image from farm6.static.flickr.com
Forse è per questo che qualcuno ha pensato di decorare il parco con mosaici raffiguranti il viaggio di Ulisse, che in mare si è perso 

image from farm6.static.flickr.com

image from farm6.static.flickr.com
image from farm6.static.flickr.com

ma solo per ritrovare meglio la strada di casa. 

 

 

3 commenti

  • anto

    Il verso del mosaico è di Joachim Du Bellay, poeta del ‘500, creatore assieme a Ronsard de la Pléiade, per il quale scrisse il manifesto “Défense et illustration de la langue française”. I suoi “Regrets” sono stati il tema del mio corso monografico di Francese I. ll libro stampato in copia eliostatica dell’edizione del ‘500 l’ho prestato e non mi è più stato restituito, la professoressa Ronc è morta tanti anni fa.
    Uisse è tornato ad Itaca.
    Heureux qui, comme Ulysse, a fait un beau voyage,
    Ou comme cestuy-là qui conquit la toison,
    Et puis est retourné, plein d’usage et raison,
    Vivre entre ses parents le reste de son âge !

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *