Radio

Il segreto di Europaradio Jazz

Ci sono cose che sono visibili: gli immensi archivi musicali, gli strumenti prima analogici e poi digitali di alta qualità, l’attenzione quasi maniacale a fare tutto per bene.

image from farm4.staticflickr.com
image from farm6.staticflickr.com
image from farm6.staticflickr.com
image from farm4.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com
image from farm4.staticflickr.com
image from farm6.staticflickr.com
image from farm3.staticflickr.com

image from farm3.staticflickr.comimage from farm3.staticflickr.comimage from farm8.staticflickr.comimage from farm6.staticflickr.com

image from farm8.staticflickr.com
image from farm4.staticflickr.com
image from farm6.staticflickr.com

image from farm8.staticflickr.com
e poi la qualità intrinseca della musica trasmessa, i pezzi rari, le registrazioni introvabili…

Ma c’è una cosa che lascia stupefatti quando si fa partire lo streaming di Europaradio jazz (se il link non funziona provate qui) e che resta tuttora inspiegabile: il suono speciale e unico di questa web radio. Quale sarà l’ alchimia che lo rende così aperto e dinamico?

image from farm8.staticflickr.com
Inutile cercare una risposta, ci sono delle cose che resteranno per sempre segrete.

image from farm4.staticflickr.com
image from farm4.staticflickr.com
(se no che gusto c’è?)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *