Spectacles

Feux pyromélodiques de Monaco

L’origine del concorso dei fuochi artificiali di Monaco risale agli anni sessanta, ma è dal 1996 che lo spettacolo è diventato “piromelodico”, sincronizzando i giochi di luce su una selezione musicale che può essere molto variegata.

Quelli di sabato (il secondo dei quattro appuntamenti di quest’anno) erano organizzati da un équipe belga (hc pyrotechnics) e prevedevano giochi di luce sulle seguenti melodie:

– Wallace et Grommit – A grand day out de Julian Nott,
– Uptown Funk de Mark Ronson ft Bruno Mars,
– Beethoven to the fifth de Aaron sapp & ascap 100 %,
– The Rock de The City of Prague Philharmonic Orchestra,
– Bella’s Lullaby de Twilight Orchestra,
– Warriors de Ronan Hardiman,
– Papaoutai de Stromae,
– El Dorado de Two Steps from Hell,
– Hurt de Thomas Bergensen,
– Rise from the Underworld de James Dolley ft. Cell dweller.

Un impianto sonoro d’eccezione, in cui spiccano altoparlanti Bose 901, è messo in opera sull’insieme dell’area da cui i fuochi sono visibili per permettere al pubblico di fruire pienamente della bellezza dello spettacolo. 

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
 

I prossimi appuntamenti sono per il 1º agosto (équipe italiana) e per l’8 agosto (Slovacchia) alle 21.30.
Rendez-vous sul Port Hercule, quai Albert 1er e Av. d’Ostende.

image from www.flickr.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *