Travel

Pedalata attorno al Canale

La giornata era perfetta, soleggiata e ventilata, l’ideale per scoprire i luoghi attorno al Canal du Midi entrandone nel cuore, sui sentieri e lungo le stradine poco frequentate. 
L’idea iniziale era di trovare un maneggio che organizzasse gite a cavallo, ma non abbiamo pensato che in quel caso avremmo dovuto cercare e prenotare in anticipo, quindi abbiamo optato per il piano B, la bicicletta.
Direzione Paraza, quindi, da Mellow Vélos, dove Phil ci ha fornito gli strumenti da inforcare per l’occasione e anche il percorso più interessante da farsi nel tempo che avevamo a disposizione.

image from www.flickr.com
Una trentina di chilometri per lo più su fondo sterrato intervallato a stradine di campagna e qualche tratto asfaltato soprattutto al passaggio dei centri abitati.

image from www.flickr.com
Un dislivello di circa 200 metri, concentrati soprattutto nel tratto iniziale quando si sale sulle colline tra Roubia e Olonzac, il resto del percorso piuttosto pianeggiante, con l’ultimo tratto tutto lungo lo stretto sentiero che costeggia il canale.

image from www.flickr.com
Tra i vigneti, sui ponti, attraverso i villaggi, continuiamo a pedalare fino a fare una prima tappa al Lago di Jouarres.

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
Il Lago di Jouarres in località La Guinguette du Lac ha un’ampia spiaggia sorvegliata circondata da un bel prato e ombrosi pini, con tutti i servizi, possibilità di fare sport acquatici e un ristorante.
Le sue acque sono balneabili e di ottima qualità, nonostante il fondo terroso le renda assai poco trasparenti.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
La pausa al sole è ristoratrice, ma la seconda tappa lo è ancor più: Homps e il suo porto ci regalano un piacevole break a base di sangria e assiettte de fromages.
Il suono qui è quello delle papere, dell’acqua e delle poche bici e chiatte che scorrono via lente.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
Si riparte per il rimanente tratto lungo il canale, gli ultimi 12 chilometri scivolano via assieme alla corrente.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
Alla fine la stima di Phil che potessimo fare i 30 km in un paio d’ore è stata decisamente ottimistica (e questo soprattutto grazie alle piacevoli soste) ma qui sotto si può avere un assaggio del percorso in più o meno 2 minuti:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *