Travel

Iraklio, Heraklion insomma Ηράκλειο

Che tra traslitterazione e sistema casuale alla fine è sempre un po’ a fantasia che vengono tradotti i toponimi greci. In questo caso mi affascina vedere che rimanga quella “acca” che non ha ragione d’essere se non l’omografia con la “eta” dell’alfabeto greco
Grafia a parte è abbastanza evidente che la capitale cretese debba il suo nome all’eroe della mitologia greca Ercole, al quale pare che gli antichi abitanti avessero dedicato in questo luogo un santuario.
Si trattava probabilmente del porto di Knossos.
Passata, come tutta l’isola, sotto varie dominazioni (romana, bizantina, araba, veneziana e ottomana) porta nella sua architettura soprattutto le tracce del periodo veneziano, iniziato nel 1204 dopo la quarta crociata e terminato nel 1669 dopo un assedio durato 22 anni da parte degli ottomani.
Il porto veneziano, la chiesa di San Marco, quella di San Tito, la loggia Veneziana e la Fontana Morosini sono tra i suoi monumenti più celebri.

image from farm8.staticflickr.com

image from farm8.staticflickr.com


image from farm6.staticflickr.com
image from farm6.staticflickr.com
image from farm6.staticflickr.com

image from farm8.staticflickr.com



image from farm6.staticflickr.com
image from farm6.staticflickr.comimage from farm4.staticflickr.com

image from farm8.staticflickr.com


image from farm4.staticflickr.com
Il Museo Archeologico ospita la più grande collezione al mondo di oggetti minoici. Vi è conservata gran parte degli affreschi di Knossos (gli altri trovandosi al Museo Archeologico di Atene) e numerosissimi reperti.

image from farm6.staticflickr.com
image from farm4.staticflickr.com
image from farm3.staticflickr.com
image from farm4.staticflickr.comimage from farm4.staticflickr.com

image from farm8.staticflickr.com
image from farm6.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com
Nelle varie sale sono esposti oggetti di varie epoche minoiche (dal 2000 al 1400 a. C.), sigilli, gioielli, statuette, terracotte, ceramiche, provenienti dai vari siti archeologici cretesi: Cnosso, Archanes, Mallia, Gortyna e Festos i più importanti. 

image from farm4.staticflickr.com
image from farm6.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com
image from farm4.staticflickr.com
image from farm3.staticflickr.com

image from farm3.staticflickr.com
image from farm6.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com
image from farm4.staticflickr.com
image from farm3.staticflickr.com
image from farm6.staticflickr.com
image from farm3.staticflickr.com
image from farm4.staticflickr.com
image from farm3.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com
Il disco di Festos (1700 a. C.) è uno dei reperti più misteriosi: 241 simboli scritti a spirale sulle due facce di un disco di terracotta. Si pensa si possa trattare di un alfabeto sillabico ma gli studiosi sono ormai concordi nel ritenerne impossibile la decifrazione, non esistendo alcun altro documento o fonte con cui confrontarlo.

2 commenti

  • i love greece .

    Atene e ‘ magnifica , se non ci fosse Atene la Grecia sarebbe brutta , la parte meridionale della Grecia dove si trova Atene capitale e ‘ bella diciamo il raggio di azione di 150 km dal punto di Atene Citta’ quindi il punto su Atene e fai girare il compasso con un raggio di 150 km . Corinto , Kalamata , Tripoli , Patrasso , Sparta , Calcide , lamia sono paesi che girano intorno ad Atene ..in questi paesi il costo della vita e basso quindi ottimi posti per vivere confronto ad Atene e poi il Sabato cioe’ il fine settimana si va nella meravigliosa Atene .

  • anto

    E’ vero! Atene è bellissima, l’ho visitata in settembre per la prima volta e me ne sono innamorata! E’ accogliente, ordinata e piena di cose belle. I quartieri del centro sono allegri e pieni di vita e si sta benissimo! Ma la Grecia è tutta meravigliosa, spesso ci sono tornata in vacanza sulle sue isole! Tu abiti lì?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *