Fitness,  Party & fun

21 giugno 2014 – Festa della musica ad Arco

Capitare ad Arco proprio nel giorno della festa della musica è già una bella cosa.
Questa cittadina, che è stata una delle pioniere nel fare propria in Italia questa usanza, fino a qualche anno fa prettamente francese, è infatti molto attenta ad allestire per le sue strade e le sue piazze uno spettacolo ogni anno sempre più suggestivo e coinvolgente.

Ma quest’anno lo era, se possibile, anche di più, visto che avevo mezza famiglia che prendeva parte attiva sulla scena. Due si trovavano sul posto, uno è arrivato direttamente da Nizza con l’urgenza di ballare (dopo la performance simile dell’anno scorso niente meno che sulla Croisette) la sua zumba sulla piazza principale del paese.
Qui qualche scatto e un mini video.

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
 

Quest’anno la danza era davvero il leit motiv della festa: zumba, danza moderna, balli di gruppo e latino-americani, mini ballerine e line dance; la musica del corpo in movimento l’ha fatta davvero da padrona.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

Ventiquattro i punti di ritrovo dove si esibivano più di 800 musicisti: le piazze principali, i giardini, la via Segantini e il rione Stranfora, ma anche i quartieri più decentrati, si sono riempiti infatti di note multicolore. Spettacoli di ogni genere, spettatori curiosi e ballerini di ogni sorta hanno dato vita a questo evento, che festeggia una delle manifestazioni più alte dello spirito umano.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
 

Peccato non essere potuti restare più a lungo e partire proprio quando le luci dei palchi cominciavano a illuminare la notte. La musica è come i sogni: nell’oscurità viaggia più libera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *