Sea & beaches

La Buvette a Tahiti beach – Ramatuelle

La baia di Pampelonne a Ramatuelle, sito naturale protetto che si estende per circa 5 chilometri ad ovest della penisola di Saint-Tropez, è nota per i numerosi stabilimenti balneari spesso eleganti che si affacciano sulle acque azzurre del golfo. 
Abbondano i ristoranti e i locali che all’ora dell’aperitivo si animano al ritmo dei dj set, mentre la luce del tramonto si riflette nei calici e sugli occhiali da sole che ballano sulle terrazze.

In mezzo a tutto questo spicca per la sua estraneità una specie di chiringuito, che spunta inaspettato nei pressi della Tahiti beach.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
La gestione storica, attiva fino a qualche anno fa, prevedeva anche un servizio ristorante con qualche piatto cucinato e fresche insalate durante il giorno. Poi purtroppo ha chiuso.

Ci è mancato questo locale semplice ma proprio per questo incredibilmente gradevole, dalle ampie poltrone collocate direttamente sulla sabbia, gli ombrelloni di paglia e la musica chill out in sottofondo ad accompagnare il relax dei pensieri che seguono il flusso del rosé dalla bottiglia al bicchiere.
Le gestioni successive ne avevano fatto un anonimo baretto, che non invitava troppo alla sosta prolungata.

Ma domenica scorsa abbiamo avuto una bella sorpresa. Il locale ha riaperto cambiando di nuovo proprietari!
Era il primo week end di apertura e c’erano chiari segni di lavori ancora in corso, ciò nonostante è piuttosto evidente che i nuovi titolari hanno dato un’impronta davvero carina a questo posticino speciale.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
Marco recentemente mi ha fatto notare che stiamo diventando come i gatti e che abbiamo la tendenza a fare sempre le stesse cose, finendo spesso ad andare negli stessi posti.
“La prossima volta andiamo su un’altra spiaggia!” ha esclamato un po’ imperioso.

“Ma anche no” dico io, sotto le vibrisse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *