Friends,  Party & fun

Blog Party n. 12

È stato difficile e abbiamo rischiato di arrivare direttamente a Natale, col rischio di non sapere più quali regali riciclare come e perché e soprattutto a chi, ma ce l’abbiamo fatta anche quest’anno!
Grazie all’organizzazione tempestiva di Luca e soprattutto alla sua disponibilità nel dedicarci il risicato tempo dei pochi week end liberi da impegni lavorativi, la dodicesima edizione del nostro ritrovo annuale ha potuto aver luogo! Appuntamento all’Agriturismo La Vecchia Stalla  in una frazione di Gussago (PV), in realtà poco fuori Milano.
E ha avuto luogo pure in versione extra-large. Quest’anno infatti abbiamo avuto il piacere di ospitare nuovi amici che evidentemente non hanno saputo resistere al richiamo del “Riciclone” e si sono uniti (forse senza sapere bene cosa li avrebbe aspettati) all’allegra compagnia. Ai blocchi di partenza c’eravamo quasi tutti:

Questo slideshow richiede JavaScript.

E chi non ha potuto venire era comunque presente nei nostri brindisi.
Amici vecchi (si fa per dire) e nuovi, voci vecchie e voci nuove (si fa per dire), tutto fa brodo nel nostro gruppo, basta mangiare (no niente brodo per noi, ma risotti, cotechini e cose così).


Si mangia e si beve ma si sa che il momento topico della giornata è lì, dietro l’angolo, atteso e temuto come poche cose al mondo: il rito del “Riciclone”.
Per chi non conoscesse questa antica usanza tribale, trattasi di rituale propiziatorio che ha luogo, appunto, una volta l’anno in data non necessariamente fissata, anche se sembra abbia un influsso importantissimo la luna, quella delle persone che guardandosi dentro casa possono decidere d’un tratto di volersi liberare della suo… della suola di quelle scarpe mai indossate e impacchettano tutti gli oggetti di cui non hanno mai osato liberarsi per donar loro nuova vita.
Va da sé che più brutti sono meglio è. Non c’è nulla che valga le espressioni che nascono spontanee di fronte alla visione di tali manufatti:

Ogni anno viene poi stilato per acclamazione popolare il palma res degli orrori più indecenti.
Questa volta ha vinto Pierangelo! O i Paoli, a seconda da che parte si voglia prendere la cosa (ok ok come non detto, niente battute please ci sono i bambini)


Andrea, che è da sempre la nostra mascotte, ce lo siamo come al solito coccolato per bene: per lui niente schifezze ma un paio di regalini presi ad hoc (grazie Cristiana!).


Un grazie speciale a Fabio che come al solito ci ha viziati offrendo a tutti il vino per il dessert e un arrivederci a tutti gli amici trovati e ritrovati.
Non mancate l’anno prossimo! Tanto noi mica siamo superstiziosi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *