Sports

A proposito di sport…

E di sportivi.
Strana omonimia quella che accomuna chi pratica lo sport e chi si limita ad assistervi.
No, non sono critica nei confronti di chi segue con entusiasmo la propria squadra o il proprio beniamino; anzi, credo sia magnifico potersi esprimere attraverso una passione, che, in teoria, dovrebbe sprigionare energie soprattutto positive, con inoltre lo splendido effetto collaterale di accomunare più persone nel medesimo slancio emotivo.

Non ho usato a caso il condizionale, ahimé, sappiamo tutti fin troppo bene a cosa può portare ciò che troppo spesso viene a torto definita “passione sportiva”.
E non voglio nemmeno toccare i casi limite, come quelli di Catania, che ritengo esulino totalmente dall’argomento di cui sopra. nulla  a che fare con lo sport.
Basta però pensare a ciò di cui parlava Luca pochi giorni fa in queste pagine e dei tanti altri casi in cui l’amore per la propria fazione diventa odio per quella opposta. Si tratta davvero solo di campanilismo? Si possono definire sportivi coloro che, oltre che sul campo da gioco, perseguono anche nella vita il loro desiderio “belluino” di primeggiare?

A questo proposito mi viene in mente un terzo significato del termine sportivo: non si dice forse di chi sa perdere con dignità? di chi prende la vita, appunto, sportivamente, anche quando non è prodiga solo di successi?
E allora è sportivo chi si dopa? E chi distrugge la propria vita per aver perso il primo posto nelle vette delle classifiche e nel cuore degli appassionati?

Credo che rimarrò con il mio dubbio semantico. Intanto io, nel mio piccolo lo sport mi limito a praticarlo. Anzi, a dire il vero, ne ho fatto la mia professione! Ecco i miei strumenti di lavoro:

 

Vi assicuro che il combustibile è del tutto naturale!!!
E da professionista del settore ricordo a chi si avvicina alla pratica da autodidatta che un allenamento, per essere efficace, deve essere graduale, costante e mirato… Con questi presupposti anche un neofita può arrivare a fare la Trento-Tre Cime di Lavaredo.
Non ho detto in quanto tempo, però.

4 commenti

  • angelo

    ….eh,una volta si che ero in forma……ora l’unica forma che vedo è quella della toma con dentro il riso quando vado in Val d’Aosta….mmmmmmmmm.

    Scherzo,ho ripreso in questi giorni ad andare a correre in pista ciclabile….come dici tu,per ora mi accontento di 25 min blandi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *