Fitness,  Sea & beaches

Pilates Oxygène – In kayak lungo la costa dell’Estérel

C’è una bravissima istruttrice di Pilates, che oltre ad essere una splendida insegnante e una ragazza deliziosa si è inventata, da un po’ di tempo a questa parte, di organizzare delle attività all’aria aperta abbinate ad uno dei suoi fantastici corsi.


image from farm6.staticflickr.com
Lei è Delphine e vive nel Var, in uno dei posti più scenografici di questo pezzo di costa mediterranea: il parco dell’Estérel. Proprio quello delle rocce rosse del Cap Roux, del Rocher Saint-Barthélémy, della Corniche d’or… insomma proprio quel paradiso lì!

E’ in questo quadro che lei ha pensato bene di ambientare i suoi corsi all’aria aperta con risultati facilmente immaginabili: una pura meraviglia!
Le sue attività comprendono percorsi di trekking, passeggiate sui sentieri litoranei, e -in mare- esercizi su tavola con paddle e escursioni in kayak. 
Ognuna di queste è un’occasione per svolgere en plein air un corso di pilates.
Questa domenica è stata la volta del kayak. Partenza dalla base nautica di Agay e arrivo su una spiaggetta accessibile solo dal mare, con un pontile su una piccola rada che sembra fatto apposta per noi!


image from farm8.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com

image from farm6.staticflickr.comimage from farm6.staticflickr.com

image from farm4.staticflickr.com

image from farm8.staticflickr.com
image from farm6.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com
image from farm4.staticflickr.com
image from farm6.staticflickr.com
image from farm4.staticflickr.com
Già il trovarsi in kayak in mezzo a quel paesaggio è una sensazione unica, ma è durante il corso di pilates che ci si sente davvero in simbiosi con la natura; respirare profondamente, sentire il proprio corpo muoversi in armonia, controllare le tensioni e partecipare allo splendore del sole e al tepore dell’acqua, chiudere gli occhi e sentire solo la brezza dal mare cercando il sincronismo con il respiro del vento…. bè, decisamente quell’ora di corso è volata troppo in fretta; alla fine dell’ultima fase di rilassamento il mio solo desiderio era di potermi addormentare lì fino al mattino dopo!


image from farm4.staticflickr.com

image from farm4.staticflickr.com
image from farm4.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com

image from farm4.staticflickr.com
image from farm6.staticflickr.com


image from farm8.staticflickr.com

image from farm6.staticflickr.com

image from farm8.staticflickr.com
Fortunatamente Delphine ci aveva preparato un cocktail tonificante a base di zenzero e lime e abbiamo trovato l’energia per proseguire un altro po’ lungo la costa e tornare infine al nostro punto di partenza, la baia di Agay.


image from farm4.staticflickr.com


image from farm3.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com


image from farm4.staticflickr.com
image from farm3.staticflickr.com
image from farm6.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com
image from farm3.staticflickr.com
image from farm3.staticflickr.com
Esperienza da ripetere! E la prossima volta si andrà verso ovest, dove la costa è ancora più selvaggia e incontaminata.

 

 

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *