Travel

Roquebrune-Cap-Martin

Una specie di cascata di costruzioni che si estende lungo il pendio ripido e scavato ad insenature nella montagna, così appare questa località se la si osserva dal bordo del mare.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
Sembra quasi incredibile che su un’area comunale così piccola possano trovarsi paesaggi e atmosfere così diverse.
La penisola di Cap Martin, dietro la quale sorge Menton, è percorsa da un bellissimo “sentier littoral”, intitolato a Le Corbusier.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
Alla fine della passeggiata, che si snoda con un po’ di saliscendi tra i profumi della macchia mediterranea, si arriva alla Plage de la Buse.
Questa ampia spiaggia di “galets” è l’ideale per rilassarsi lontano dal caos, 
le sue acque cristalline (un po’ più fresche che altrove a causa di una sorgente di acqua dolce che sgorga all’inizio della spiaggia) sono nondimeno invitanti, anche in questa stagione primaverile.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
Il sentiero litorale prosegue anche dopo La Buse, arrivando fino a Monaco.

image from www.flickr.com
All’altro capo, ma questa volta nel senso dell’altitudine, si trova il Vieux village, il centro storico medievale, che sembra quasi scavato nella roccia di cui porta il nome.
Un intrico di stradine, avvolti, passaggi: camminare su simili percorsi mi dà sempre l’impressione di penetrare in uno spazio con una profondità tutta speciale, con una dimensione in più. Lo spazio lineare acquista qui una capacità perimetrale fuori dal comune, quasi si trattasse di frattali che ripetono le loro creste all’infinito.
Per questo anche se il villaggio è piccolo, ti sembra ogni volta di non averlo mai visitato per intero.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

Il castello medievale è visitabile entro le 17.40.
I gatti, invece, a loro totale discrezione.
Ovviamente.

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *