Food and Drink

Dolce Farniente

No, non è la situazione di cui mi punge ora vaghezza. O forse sì, ma vabbè non è quello il punto. Dolce Farniente è il nome di un baretto/terrazza/spiaggia allestito sul porto di La Napoule.
Riesce difficile classificarlo, così su due piedi. Non è un ristorante, anche se servono anche alcuni piatti elaborati, ravioli, insalate, quiche e dessert.

image from www.flickr.com
Non è uno snack, anche se vi si trovano panini, sandwich e bevande varie.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
Non è un bar à cocktail, anche se all’occorrenza vi servono long drink raffinati a base di champagne.

image from www.flickr.com
Non è una spiaggia privata -e questo soprattutto per mancanza di spiaggia propriamente detta- anche se sull’ampia terrazza fanno già mostra di sé delle sdraio pronte all’uso per chi voglia dedicarsi all’operazione “bronzette”.

image from www.flickr.com
Quello che è certo è che è un luogo davvero speciale.

Informale, ma elegante nei suoi dettagli, scelti da un occhio attento e di buon gusto; situato in un luogo privilegiato, su una terrazza che si estende dal molo principale del porto e che si affaccia sulla spiaggia della cittadina e sul castello di La Napoule.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
Una passerella permette i bagni di mare nonché l’approdo di piccole imbarcazioni e acquascooter.

Tranquillo, lontano dal passaggio della folla e silenzioso con i suoi tavolini e banconi affacciati direttamente sulle onde, è il posto ideale dove lasciar trascorrere il tempo incuranti del mondo.

image from www.flickr.com
Come abbiamo fatto a non notarlo mai prima d’ora? 
Le risposte plausibili sono due: o eravamo distratti dalla colonia di gatti che solitamente abita la parte finale del molo, o non era ancora allestito, essendoci casualmente passati solo in periodi di bassa stagione, chissà.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *