Travel

Ritorno alle Saintes-Maries-de-la-Mer

Non sapevamo bene cosa fare dei pochi giorni attorno a Ferragosto in cui volevamo darci un po’ di tregua in questa estate difficile. E dovendo scegliere un posto non troppo lontano il mio pensiero assetato di quiete è corso veloce lì, alla Camargue e alla sua capitale.
Alle Saintes-Maries ci eravamo già stati, una volta in pieno inverno (qui l’articolo scritto in quell’occasione con una breve storia e geografia dei luoghi) e una seconda in primavera sotto un discreto vento di mistral.

In estate la città diventa molto più vivace e non ci si può aspettare niente di diverso da terrazze di ristoranti piene di turisti, musica nelle piazze, eventi nell’arena, spiagge movimentate e giochi di bambini.
Anche i gatti escono allo scoperto quando l’aria estiva è permeata di tanti buoni profumini di pesce e paella.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
Ma la Camargue è regione, oltre che di grande cuore, anche di grandi spazi aperti, di natura quieta, di corsi d’acqua pigri, di sentieri sterrati e distese sabbiose, di campi di riso e rustiche garrigue, di animali in libertà e di uomini liberi. E’ facile quindi ritagliarsi il proprio angolino silenzioso durante un’escursione o ai bordi di una sonnolenta piscina.

Molti hotel attorno alla città sono stati ricavati da antiche manades (le fattorie con allevamento di cavalli e tori tipiche della regione) e si trovano quindi immersi nella campagna, nella tranquillità più assoluta. Quasi tutti possiedono ancora dei cavalli per le classiche promenades là dove non si può arrivare con mezzi a motore, lungo i rami del fiume, a fianco degli étangs, nella macchia mediterranea o verso il mare selvaggio che si estende a est della città. 

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
La chiesa di Notre-Dame-de-la-Mer è il cuore della città, dalla sua terrazza si può godere di un panorama a 360° di incredibile respiro.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
I colori in questa stagione sono pura magia. Quello che regna qui è il rosso, che sia quello del tramonto, quello degli abiti delle gitane o quello della sangria, ha comunque il potere di accendere qualcosa dentro.

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
I sapori sono soprattutto quelli del mare, ma non si può mancare l’assaggio delle specialità della zona, come la gardianne de taureau, i piatti di influenza catalana (affettati iberici, paella, fideua) e ovviamente il riso di Camargue. Sangria e vin des sables annaffiano il tutto adeguatamente.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com

L’immersione nella natura che questi posti permettono di realizzare merita un discorso a parte. Sul fiume, a cavallo, in bici, in canoa, decidere quale tipo di escursioni fare nel poco tempo a nostra disposizione è stato un vero dilemma.
Ma pas de souci, si può andar tranquilli perché si sa che la Camargue ti premia sempre e comunque.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *