Travel

Lungo la foce del Rodano sulla Tiki III

Les Saintes-Maries-de-la-Mer sorge nei pressi della foce del Petit Rhône, il ramo del delta del Rodano che delimita la Camargue (e il dipartimento delle Bouches-du-Rhône e la regione Paca) a ovest. Oltrepassando il corso d’acqua ci troviamo infatti nella cosiddetta Petite Camargue (e nel dipartimento del Gard e nella regione del Languedoc-Roussillon).

Camargue_map
Il Rodano si divide in due rami principali nei pressi di Arles e l’area compresa tra essi è la Camargue propriamente detta, parco naturale regionale dal 1927.

Il fiume, assieme alla garrigue, alle risaie, agli étangs e alle saline, è uno degli habitat fondamentali di questa enorme riserva naturale, la cui flora e fauna appaiono in tutta la loro bellezza anche percorrendola in barca.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
La Tiki III (chissà che fine hanno fatto le prime due) è una simpatica imbarcazione a pale per il trasporto dei turisti. Il suo incedere un po’ sonnolento è l’ideale per esplorare le rive del fiume e osservarne gli abitanti, soprattutto la fauna avicola che è qui ricchissima: in Camargue vivono ben 9 specie di aironi, e poi, tra gli altri, egrette, ibis, avocette, sgarze, e numerose specie di anatre e gabbiani.
I fenicotteri meritano un discorso a parte e ne parlerò nel prossimo articolo, in ogni caso lungo il fiume non ce n’è!

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
Lungo le sponde del fiume si incontrano invece numerosi cavalli dell’antica razza autoctona -Camargue appunto- il cui pelame diventa bianco dopo i 5 anni di età, e i celebri tori di Camargue, che qui sono allevati in piena libertà.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

La parte meridionale della Camargue, ambiente di passaggio fra terra e mare, è infatti dedicata soprattutto all’allevamento mentre quella più a nord, dominata dell’acqua dolce, è il regno della coltivazione del riso.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
La gita sul battello prevede una sosta presso una manade, per vedere più da vicino una mandria di tori condotti da un gardian con i suoi cavalli.

image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
I punti di attraversamento del Petit Rhône sono il ponte di Sylveréal, quello di Forques e più a sud il Bac du Sauvage. Qui la traversata si fa a bordo di un traghetto che porta al massimo 8 automobili e che parte ogni mezz’ora.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

Questo è stato anche il punto dove la Tiki III ha invertito la rotta non potendo oltrepassare i cavi che fissano il percorso del traghetto.
Torniamo alla base: le barche e le casette di villeggiatura o dei pescatori ci passano accanto, forti del fatto che siamo noi ad andarcene.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

image from www.flickr.com
I gatti invece non ci vanno proprio sul fiume, restano al’imbarcadero, animali assurdi che non sono altro.

image from www.flickr.com
image from www.flickr.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *