Music

Africa

Sembra che il vento del deserto si sia divertito a disegnare il ritratto della sua amata madre, tracciando il profilo dell'Africa nei lineamenti di questa duna.

canoedesertospecchio

Non c'è un motivo razionale per cui amo tanto questa terra. Non c'è mai un motivo razionale per l'amore.
Forse solo mi riconosco nei forti contrasti, nei colori prepotenti, negli eccessi di tutti gli elementi che ne fanno un continente al tempo stesso ricco e povero, vivo e morente, rovente e congelato nel tempo, culla e tomba della specie umana.
Qui nascono i primi uomini, qui di sicuro l'umanità trova ogni giorno la morte per mano, non tanto di una natura malevola, quanto di altri uomini che la feriscono, la sfruttano e la uccidono senza alcuna pietà.
E' una terra senza sfumature, che piange e che ride come in nessun'altra parte del mondo si riesce a fare.
E' una terra che nasconde nel suo ventre enormi ricchezze, ma ne restituisce in superficie solo l'ingannevole miraggio.
E' una terra dove si nasce e dove si muore più che altrove.

Qui il sole riesce davvero a far sparire del tutto le ombre e a crearne di interminabili

Qui il mare riesce a restituire una fauna� prodigiosa e a inghiottire tutto con potenti maree, travestendosi esso stesso da cielo per non farsi catturare.

Ma è soprattutto la luce a vincere, scomponendosi in mille colori� e tornando ad essere una dopo essere passata attraverso il prisma del cuore di chi ama i suoi abbaglianti raggi.

E i forti contrasti vivono in me come in questa terra.
Ma c'è qualcosa di atavico, una memoria inconscia che mi guida attraverso sentieri abitati da ricordi non miei.
Nera, nerissima la sogno la mia pelle, dai riflessi cangianti vellutati, ma coriacea e cotta dal sole come quella dei tuaregh i cui visi solcati da profonde rughe imitano i letti degli uadi seccati dall'arsura.
Pulsante al ritmo battente delle percussioni il mio cuore e il mio piede, quando si libera in danze sciolte nel precipitarsi di suoni in cui la melodia cede il passo all'urlo vibrante del fiato nella gola.
Profumata di spezie l'umidità pesante dell'aria mentre porta con sé il caldo sentore della putrefazione delle carni e il fermentare della canna da zucchero.

decoromasaiblu

perlaantoocchi

Ma è soprattutto il suono dell'Africa a rivelare sentieri nascosti su cui amo perdermi seguendo la lallazione del canto bambino nelle parole di chi culla il suo piccolo cuore nero

Salif keita-Mali- Yamore (with Cesaria Evora) Sénégal Acoustic (Senegal)- Mame Ismael lo-Nabou Tama (Mali) - Snimbe Julien Jacob  Kalicom (Benin) Angelique Kidjo - Le Monde Comme Un Bebe Angélique Kidjo - Afrika Angélique kidjo (ft amadou & mariam) - senamou

13 commenti

  • mau

    grandi immagini (i suoni meritano maggiore tempo ed attenzione di quanto posso dedicarne ora) … per quanto riguarda il colore della tua pelle, direi che il sogno è abbastanza realizzando :))))) …

  • AlexRM

    Concordo con @orso: immagini veramente meravigliose! E il tuo commento ha saputo rendere in profondità e sostanza l’essenza di quel continente!

    Non sono mai stato in Africa (non vado molto d’accordo con il sole…), ma, da quel che sento da chiunque ci sia stato, sembra davvero reale quella strana sensazione che prende al ritorno, dopo essere stati lì per un po’: il mal d’Africa – di cui così bene ha cantato Battiato e così bene ha recitato Meryl Streep, in “La mia Africa”.

    Complimenti per questo post: è magnifico!

    Alex

  • accgian

    ciao!
    hai dato una immagine dell’Africa meravigliosa, e lo hai fatto nel modo che amo di più…. con le immagini ed i suoni sicuramente, ma con le parole, forti e sentite che facevano quasi sentire il calore del sole, i profumi della terra e, accanto all’amore per questo posto, la tristezza per come venga sfruttata per fini economici….
    mi hai regalato un inizio di giornata bellissimo, da un sapore unico….

    buon venerdì! gian

  • rita

    …foto molto belle (qualcuna la conoscevo già)!!! …come ti capisco Anto: …il fascino dell’Africa non ha eguali, attrae senza dare alcuna possibilità di resistenza… …sempre che resistere si voglia… :)))))

  • ilaria

    Che bello Anto! Bellissimo il post e bellissime le sensazioni e le emozioni che hai saputo trasmettere! Non sono mai stata in Africa, ma la curiosità di conoscere o anche solo di prendere contatto con quella realtà è davvero tanta, e tu l’hai acuita!

    Complimenti davvero!

  • anto

    ehi rita… si vede proprio che sai riconoscere le cose fascinose!!!! ;)))
    …bello lasciarsi andare, quando lo si può fare…
    …bello che con le immagini e la musica, si può sempre…. :)))
     
    @ilaria: organizzerò presto un volo charter della ON AIR e vi ci porto tutti quanti!!!!! gruppo vacanze off air on air, …beh insomma l’importante è che noi siamo sulla cresta dell’onda e che qualcun altro sia in onda, no?

  • marco(a)

    Gia’…


    E poi (e mi rendo conto di dire una cosa scontata oltre la decenza..) le sensazioni che ti prendono guardando il tramonto da quelle parti…ma dove le trovi ? 

    E il sapore dell’ananas ancora caldo, appena tirato su dalla terra ?

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *