Ville de Nice

Musée et site d’archéologie de Nice

A Nizza, sulla collina di Cimiez si trova il sito archeologico di Cemenelum, l’antica capitale della regione dopo la conquista delle Alpi da parte di Augusto.
Il centro gallo-romano comprende un anfiteatro, le terme, strade romane, una rete fognaria e i resti di numerose costruzioni, risalenti tra il I e il VII secolo, anche se il nucleo principale è del III secolo.

Il complesso termale è al momento in fase di ristrutturazione: il frigidarium ha conservato mura alte una decina di metri. le terme ad ovest comprendono anche i resti di una chiesa e di un battistero paleocristiani.

image from farm8.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com

image from farm8.staticflickr.com

image from farm8.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com

L’anfiteatro, posto a nord-est dell’antica città risale al I sec. d.C. Formato da due anelli, ha dimensioni molto ridotte (69m x 57 m): si stima la sua capacità potesse essere di circa 10.000 spettatori. Oggi è il più piccolo anfiteatro rimasto della Gallia romana.

image from farm8.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com

image from farm8.staticflickr.com

 

image from farm8.staticflickr.com

image from farm8.staticflickr.com

Il museo annesso, inaugurato nel 1989, possiede collezioni di oggetti che datano a partire dall’età dei metalli fino al Medioevo e ci permettono di avere un’idea di come si svolgesse all’epoca la vita a Cemenelum e nel resto delle Alpi Marittime.
Essi furono per lo più trovati durante gli scavi archeologici avvenuti sul sito tra il 1950 e il 1969, ma ve ne sono parecchi che provengono anche da altre zone della regione.

image from farm8.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com
Tra questi oggetti una piccola maschera di Sileno in bronzo del I secolo a. C. e un fauno danzante del I sec. d. C. Statue, sarcofagi, vasi, stoviglie, gioielli, flaconi per profumi, spille, monete e frammenti di mobili permettono di avere un’idea di come si dovesse svolgere la vita a quei tempi per quelle popolazioni, la loro organizzazione sociale e amministrativa e la loro spiritualità. 

Fino al 30 settembre 2012 vi è allestita l’esposizione temporanea “Les Etrusques, les Grecs, les Phéniciens et la mer”, che permette al visitatore di conoscere la navigazione antica attraverso numerosi oggetti, ricostruzioni archeologiche e modelli didattici.

image from farm9.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *