Travel

Roussillon

image from farm8.staticflickr.com

Questo villaggio del Luberon è uno spettacolo a non mancare assolutamente se si passa da quelle parti della Provenza. E’ una tavolozza composta di tutte le sfumature dell’oro e del rosso, un posto magico dove tutte le combinazioni dell’ossido delle ocre si trasferiscono dal paesaggio alle case colorando ogni cosa di tinte calde.
Una strada sinuosa, su cui si affacciano porte e facciate del XVII e XVIII secolo, sale verso l’alto dove un tempo sorgeva il castello medievale. Qui si trova ora la chiesa di Saint-Michel e uno sperone con punto panoramico sulla valle tinta di verde e di rosso.

image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com

image from farm8.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com

image from farm8.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com

La leggenda  racconta che Sermonde, sposa del terribile Raimond, signore di Roussillon, fosse innamorata del giovane trovatore Guilhelm de Cabestang. Il castellano geloso uccise il poeta e ne servì il cuore in pasto alla donna, che, una volta saputa la verità, si gettò nel vuoto, colorando per sempre le rocce del rosso del suo sangue.

image from farm9.staticflickr.com
Le cave di terra rossa sono state sfruttate dalla fine del XVIII secolo fino al 1930, quando la scoperta di nuovi modi di estrazione e di giacimenti più redditizi ne hanno decretato la chiusura.

Oggi il Sentier des Ocres, che parte appena fuori dal centro del villaggio, permette un’immersione nella vegetazione particolare delle colline d’ocra, le cui tinte dal giallo al violetto costituiscono l’affresco naturale di pareti, volte e pinnacoli scavati dall’uomo ed erosi dagli agenti atmosferici.

image from farm9.staticflickr.com


image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com
image from farm9.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com

image from farm9.staticflickr.com
Altre cave sono disseminate in vari comuni della zona: Villars, Gargas e Rustrel col suo Colorado provençal. 

 

4 commenti

  • anto

    è solo perché gli hanno messo una scheda da 2 giga e l’ha finita per le prime 3 foto (adesso è lì che pensa “porca paletta dovevo conservare la memoria per riprendere anche tutti ‘sti omini verdi”)

  • Apolline

    Avez-vous remarqué sur la place du village, une plaque en plexis-glass portant le nom et le portrait de “l’inventeur de l’ocre” ?
    Et êtes-vous allés à Gordes ?
    Tes images sont très belles.
    Plein de bisous !

  • anto

    je n’ai malheureusement pas vu la plaque… 🙁 , mais nous sommes passé à Gordes! 🙂 même si la visite a été très rapide (on était sur la route du retour… on n’a fait que trois jours de stop… trois jours magnifiques, il faut le dire! :D), une visite très rapide, dont je vais poster le photos le plus tôt que possible! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *