Travel

Intermezzo (di trasporto)

Quattro aerei, una nave per due traversate, un po’ di treni della metro, qualche autobus e un’automobile. Questi i mezzi che ci hanno trasportato nella nostra vacanza greca.
Un po’ per necessità organizzative, un po’ perché il Marco voleva prendere la nave, ma soprattutto perché in fondo il tempo dei trasferimenti è altrettanto interessante di quello che si trascorre una volta giunti alla meta. 

Mi piacciono un sacco i non-luoghi di passaggio come gli aeroporti e le stazioni in cui la gente non è per davvero lì, ma è già oltre o ancora altrove. Quando ci sei potresti essere ovunque nel mondo e quindi puoi sentirti sempre a casa. 


image from farm3.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com
image from farm8.staticflickr.com
image from farm6.staticflickr.com
Nei porti però è diverso. Il profumo della nafta, il rumore dei motori e l’acqua scura, i tempi lenti, le grandi masse delle navi risvegliano qualcosa di primordiale. Come grossi animali metallici pronti ad ingerire umani, automobili e camion, attendono sbuffanti di partire; o arrivano svuotando sulle banchine il loro contenuto che presto si dileguerà secondo le leggi dell’entropia. Mai più altra nave conterrà le stesse persone.




image from farm4.staticflickr.com
image from farm6.staticflickr.com


image from farm8.staticflickr.com


image from farm6.staticflickr.com
Autobus e metropolitane sono i luoghi in cui arrivi a conoscere meglio una città, per osmosi attraverso la sua gente. Gente che si sposta da un punto A a un punto B, non necessariamente per la strada più breve.
Come noi che abbiamo scelto di fare questo periplo per raggiungere Creta attraverso Atene.


image from farm4.staticflickr.com
image from farm4.staticflickr.com
image from farm3.staticflickr.com
L’automobile, infine, è quella che ti porta dove vuoi tu per le strade che scegli tu. Spesso sbagliate, ma te ne accorgi dopo e solo per renderti conto che, in fondo, non era neanche tanto un grande errore.


image from farm3.staticflickr.com
image from farm6.staticflickr.com
image from farm6.staticflickr.com

 

 

2 commenti

  • marco barsotti

    di tutti questi mezzi, laereo é l’unico veramente veloce: nave, metro e auto viaggiano tutte a 50 km/h circa.
    e forse anche per questo in aereo non arrivi quasi mai a conoscere- o neppure a vedere o meglio ricordare- gli altri viaggiatori.
    Forse neppure in nave: si é in troppi. O forse solo perché abbiamo scelto di viaggiare di notte.

  • anto

    ma c’è qualcuno che ci tiene davvero a conoscere gli altri viaggiatori? si è tutti incapsulati nelle proprie letture, cuffie insonorizzanti, devices digitali e spesso si dorme. Il tempo del viaggio non è quello del fare, va semplicemente fatto passare con gli stessi stratagemmi di un pomeriggio in spiaggia. In fondo è un po’ una vacanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *